“Oggi inizia il domani!” Ritirata la Legge Pulpìn.

E’ vero, non bisogna essere trionfalisti, ma quando il quotidiano peruviano La Republica titola “Derogata dal Congresso la Legge Pulpìn dopo cinque marce moltitudinarie”, un brividino dietro la schiena si sente.

Cinque ore di dibattito che hanno portato a 91 voti a favore, 18 contrari e cinque astenuti ed all’abolizione della legge alla prima votazione, mentre i giovani e le giovani attendevano i risultati presidiando il Centro di Lima. La marcia, convocata per il 28 Gennaio, infatti, era stata anticipata al 26, dopo che il presidente Ollanta Humala aveva annunciato che in quel giorno sarebbero state decise le sorti della Riforma del Lavoro Giovanile, che, secondo gli ultimi sondaggi, era stata osteggiata  dal 76% della popolazione.

10494645_10204851023108379_8229465591631883038_n

La deroga della Legge Pulpìn è una vittoria, perché è stata la partecipazione e la determinazione dei e delle giovani peruviane a portare nuovamente la Legge in aula e a costringere il Congresso a votarne l’abolizione. Sono state convocate cinque marce in tutto il paese, con decine di migliaia di partecipanti; sono stati i giovani e le giovani peruviane a decidere obiettivi e pratiche delle marce, radicali nelle istanze e nelle modalità di stare in piazza. Ma non si è trattato solo di questo. I “Pulpìn” peruviani, nonostante in quell’emisfero siano in piene vacanze estive, sono stati in grado di creare una mobilitazione imponente e trasversale, che ha coinvolto organizzazioni sindacali, partiti, movimenti studenteschi ed ha ottenuto la partecipazione popolare. E’ una vittoria perché, e da questa parte dell’Oceano lo stiamo dimenticando, la massiva partecipazione del popolo in forma organizzata e determinata costringe il Presidente a ricalendarizzare la legge ed i Parlamentari a tornare sui propri passi, cambiare il proprio voto precedente ed abolirla.

Al tempo stesso, la mobilitazione contro la Riforma del Lavoro Giovanile non si ferma: i giovani e le giovani riunite in piazza ribadiscono che non è finita qui. L’estrema diffusione del lavoro irregolare, la disoccupazione giovanile elevatissima e l’abbandono scolastico, molto diffuso sopratutto nelle zone rurali, rimangono un problema centrale della società peruviana e, sostengono i Pulpin, fino ad oggi si contestava la soluzione, non il problema.

E’ proprio per questo motivo che sta prendendo piede l’idea di un’iniziativa di legge popolare, dichiara il “Coordinamento Giovanile #18D per un lavoro Degno” , esprimendo il proprio rifiuto per una politica che legifera alle spalle del popolo ma anche per il modello neoliberale del governo peruviano.

"Dicevate che le marce erano inutili" Fonte: twitter @aaronormeno

“Dicevate che le marce erano inutili” Fonte: twitter @aaronormeno

Dalla piazza di Lima in cui erano riuniti i e le Pulpìn peruviane arrivano messaggi chiari: “e vogliamo di più, vogliamo lottare per una società più giusta, per una cambiamento, per trasformazioni vere”, e ancora “l’abolizione della Legge Pulpìn è il trionfo di una società più giusta ed umana, nella quale la crescita economica non deve essere a spese dei gruppi vulnerabili”.

Intanto il 28 Gennaio in Perù si torna in piazza per lo sciopero nazionale del settore tessile, sciopero convocato proprio in opposizione alla Riforma del Lavoro Giovanile.

“Oggi inizia il domani”, scrive la blogger Marisa Glave. “Oggi i giovani sanno che hanno potere, che con organizzazione e razionalità è possibile vincere le battaglie. [..] L’abolizione di questa legge é solo l’inizio. La lotta è per la dignità del lavoro per tutte e tutti […]. La lotta è per la giustizia sociale, la lotta è per la democrazia reale”.

Oggi inizia il domani, adelante Perù!

http://www.larepublica.pe/26-01-2015/ley-pulpin-derogatoria-del-regimen-laboral-juvenil-se-debate-hoy-en-el-congreso

Annunci

“Se non c’è giustizia per il popolo, non ci sarà pace per il governo!” Scontri e arresti a Lima per la quarta marcia contro la Legge Pulpìn

Tornano a marciare i giovani peruviani, nella quarta marcia contro la legge Pulpìn, che riforma il mercato del lavoro. 

Fonte: MaldeOjo Foto

Fonte: MaldeOjo Foto

L’avevano annunciato sui social network, “non sarà una passeggiata! Non lasceremo che  ci facciano fare solo un tour per Lima! Abbiamo deciso che la nostra destinazione deve essere il luogo dove questa legge è stata promulgata, il Congresso!”.

Ma quando i due tronconi si sono riuniti per dirigersi verso il congresso si sono trovati davanti un imponente schieramento di forze dell’ordine, circa 500 poiliziotti, che sbarravano il cammino.

Il tentativo di proseguire il corteo, oltre 20.000 partecipanti, ha portato a lancio di lacrimogeni e gas al peperoncino a cui i manifestanti hanno risposto con lanci di pietre ed oggetti e incendiando barricate.

Fonte: MaldeOjo Foto

Fonte: MaldeOjo Foto

Il bilancio è di 16 poliziotti feriti, 15 manifestanti arrestati, ma già rilasciati, e molti feriti.

Nonostante la brutale repressione poliziesca i giovani e le giovani peruviane non si lasciano intimidire ed hanno già riconvocato una nuova marcia per il 28 Gennaio, chiedendo il ritiro immediato della legge.

In solidarietà ai manifestanti Anonymous ha hackerato 12 pagine web dello stato, tra le quali quelle del Congresso, della Municipalità di Lima del Ministero dell’Interno e di vari enti regionali.

Fonte: Supay Foto

Fonte: Supay Foto