Il 23 Marzo a San Severo. La memoria, la storia, la nostra.

San Severo, Tavoliere delle Puglie, 23 Marzo 1950.

Il contesto è quello delle lotte dei braccianti, delle occupazioni delle terre e della dura repressione di piazza della polizia di Scelba. In particolare lo sciopero generale del 22 Marzo, in risposta all’uccisione di due disoccupati a Lentella (Chieti) durante uno sciopero e di un altro operaio ucciso, proprio durante il corteo del 22, a Modena.

In questi giorni di rabbia e di lotta San Severo insorge.

“Le voci arrivavano attutite lì, al primo piano di via Fraccacreta, a due passi dalla macelleria Schingo in piazza Tondi. Verso le otto del 23 marzo del 1950, tre agenti di P.S. erano intenti a depositare sul carretto parte della carne acquistata per la mensa quando “una turba di dimostranti, preceduti da alcune donne,” si diresse verso di loro. “Le donne gridavano: vogliamo pane e lavoro”. A detta della stessa guardia Angiolillo, il loro “non era un atteggiamento aggressivo”, era, io penso, l’esplicitazione di un male antico: la fame. E lui a quelle grida non aveva saputo rispondere altro che “non ho la possibilità di esaudire la vostra richiesta”.

Sembrava, dunque, una dimostrazione pacifica come quella del giorno precedente quando il corteo era sfilato per le principali strade cittadine in perfetto ordine con Arcangela Villani che sventolava la bandiera dell’UDI di cui era la dirigente, oltre che essere Consigliera Comunale. Era l’orgoglio delle compagne. Tutte consapevoli e fiere del proprio compito. Accanto ad Arcangela, Teresa Dogna, Teresa Palladino, Armida Salza, Soccorsa Sementino, Elvira Suriani, Isabella Vegliato e poi tante, tante a sostenere con forza gli ideali condivisi. Madri come Lucia La Pietra che marciava con le figlie Maria Teresa, Antonia e Bianca Custodero. E mariti, figli, padri, tutti insieme con le proprie donne a difendere i diritti calpestati da un Governo che, con Scelba e i suoi odiati “guardiacelere” o “scelbini”, aveva fatto un balzo nel passato, un ritorno ad azioni di forza contro operai e contadini inermi. Erano sempre loro a cadere sotto i colpi del fucile. Così era stato a Melissa, a Torremaggiore, a Montescaglioso. E a nulla era servito il patto di Modena, seguito all’ultimo eccidio di lavoratori avvenuto in questa città. Il monito dei politici e dei sindacalisti di sinistra restava inascoltato da parte delle forze dell’ordine, che, con la loro risposta violenta, continuavano a causare morti e feriti tra i manifestanti. Il Consiglio dei Ministri aveva, addirittura, autorizzato i Prefetti a disporre il divieto di comizi pubblici e cortei; si vietava, inoltre, lo “strillonaggio” di giornali nelle pubbliche vie o la loro vendita a domicilio da parte di persone non debitamente autorizzate. Il Comandante Ricciardi era lì a guardare quello sciopero per cui non era stata rilasciata nessuna autorizzazione perché non richiesta. Mordeva il freno, era costretto a non intervenire perché la manifestazione era pacifica. Per i lavoratori di San Severo era stato naturale aderirvi dopo i fatti di Lentella, dove due disoccupati erano stati uccisi dalle forze dell’ordine e dieci erano rimasti feriti. Bisognava protestare per i compagni morti e contro un Governo che ledeva i diritti dei lavoratori, limitava la libertà di esprimere il proprio dissenso. La manifestazione si era così pacificamente conclusa prima delle ore diciotto, termine fissato dai sindacati, e nulla sarebbe successo quel fatidico 23 marzo 1950, se nel pomeriggio del 22 non fossero giunti da Foggia alcuni dirigenti politici e sindacali per i quali bisognava continuare lo sciopero. L’ennesimo fatto di sangue a Parma, un operaio ucciso dalle forze dell’ordine, lo rendeva necessario. […]

Le donne del 23 Marzo – Fonte Archivio Sonoro

 “Verso le 5,30 reparti di polizia di stanza a San Severo, in collaborazione con circa 75 agenti inviati a San Severo nelle primissime ore dal Sig. Questore di Foggia”,erano giunti sul posto e avevano ordinato con la forza lo scioglimento di quei picchetti, che per il pubblico ministero sarebbero diventati blocchi stradali, e portato in carcere i più facinorosi. Tra costoro anche Antonietta Reale. Bisognava, quindi, reagire: imporre la chiusura dei negozi. Le tre guardie Ardemagni, Crudele ed Angiolillo si trovavano lì per caso, dinanzi alla macelleria Schingo, per il solito carico di carne destinato alla mensa, e diventarono subito il simbolo di quel potere che ha da sempre oppresso il popolo e, quando Ardemagni afferrò un coltello e ferì tre lavoratori, i più persero il controllo delle proprie azioni […] La notizia dell’aggressione si era intanto diffusa in tutto il paese e dalla Caserma dei Carabinieri 20 guardie di P.S., al comando del capitano Mollo e del commissario Ricciardi, si diressero verso la macelleria Schingo per andare in soccorso dei tre agenti aggrediti. Così dichiarò nell’interrogatorio Giuseppe De Simone che faceva parte del rinforzo partito da Foggia alle quattro del mattino. Il prefetto li aveva inviati in seguito alla richiesta del Commissario Ricciardi, allarmato dalla denuncia fatta dagli agenti Bisceglie e Morgante che, obbedendo al suo ordine, la sera del ventidue si erano recati, in abito civile, davanti alla Camera del Lavoro per ascoltare gli oratori. Relazionando sull’accaduto, avevano parlato di duemila contadini infervorati dall’avvocato Erminio Colaneri che, con la sua foga oratoria, li invitava alla rivolta. Nel suo interrogatorio De Simone disse che, liberati Angiolillo, Ardemagni e Crudele dalle mani della folla, insieme agli altri era ritornato in Caserma da cui era uscito dieci minuti dopo per affrontare, nuovamente, gruppi di dimostranti che si erano fermati nei vicoli adiacenti al mercato e, quindi, in piazza Castello, sempre nei pressi della macelleria Schingo. La folla caricata dagli agenti si era dispersa ma, poi, aveva attaccato quelli che erano rimasti indietro isolati. De Simone cadde colpito da una randellata e, quando si riprese, vide il suo collega Ruggero aggredito e colpito da un altro gruppo di dimostranti tra cui numerose donne. […] La folla, ormai irrefrenabile, percorreva le strade del paese alla ricerca di armi e strumenti di difesa, alzava barricate. Si voleva impedire che, dalla Caserma, arrivassero nuovi rinforzi in piazza Tondi o che gli agenti giungessero alla Camera del Lavoro e alla sede del Partito Comunista, luoghi simbolici per gli scioperanti.

Barricate a San Severo - Fonte Archivio Sonoro

Barricate a San Severo – Fonte Archivio Sonoro

Venuto a conoscenza dell’arresto e del ferimento di alcuni operai, Cannelonga, dopo essere andato in ospedale a visitare i feriti, si era diretto verso la Caserma dei Carabinieri con l’intento di ottenere una distensione della situazione. Si proponeva di far cessare lo sciopero, facendo ritirare i dimostranti nella Camera del Lavoro. La risposta al suo tentativo di mediazione fu l’arresto. L’atmosfera era ormai rovente. Bisognava difendersi e difendere le sedi del PCI e della Camera del Lavoro. Bloccare le vie di accesso alla città e, in modo particolare, Porta Foggia da cui sin dal primo mattino erano giunti i rinforzi. Il commissario di Pubblica Sicurezza, Guido Celentano, giunto a San Severo intorno alle 12,3035 “con 300 uomini, una metà agenti di P.S. e una metà artiglieri del 14° regg., e con 4 autoblindo” notò “4 ordini di barricate costituiti da fusti pieni di bitume, da carri e carrettoni agricoli rovesciati, da ruote di carretti, da grossi tronchi di alberi, da massi di pietra e da un frantoio per la produzione di pietrisco. Innanzi una di quelle barricate vi era persino un reticolato evidentemente asportato da un campo vicino”. […]  Al commissario Celentano toccò, quindi, l’azione di sgombero della strada ed il successivo rastrellamento nelle case di periferia. […] L’obiettivo finale era ormai prossimo. Le sedi del P.C.I. e della Camera del Lavoro caddero ben presto nelle mani delle forze dell’ordine e le donne (20 su 70) e gli uomini che vi avevano trovato rifugio furono arrestati. Cominciò per loro un calvario durato due anni, anni di carcere e di processi che videro alcune compagne, inizialmente rinviate in giudizio per aver partecipato alla “insurrezione armata contro i Poteri dello Stato” e, poi, dichiarate colpevoli di “radunata sediziosa aggravata”.

(Maria Teresa Santelli, Le compagne del 23 Marzo 1950 a San Severo)

Le donne di San Severo all'uscita del Tribunale di Lucera - fonte http://www.ilmattinodifoggia.it/news/almanacco-dauno/14865/Oggi--23-marzo-1950-.html

Le donne di San Severo all’uscita del Tribunale di Lucera – fonte http://www.ilmattinodifoggia.it/news/almanacco-dauno/14865/Oggi–23-marzo-1950-.html

Il bilancio del 23 Marzo è di un morto, Michele di Nunzio, 33 anni, e 184 arrestati con l’accusa di “insurrezione armata contro i poteri dello stato”.

Le donne, protagoniste di quella giornata, non vennero risparmiate dai provvedimenti repressivi e fu così che 70 bambini si ritrovarono da soli.

“In un’intervista del 1976, a Raffaele Iacovino che gli chiede quale sia stato il compito delle donne in quel 23 marzo 1950, Matteo D’Onofrio dirà: “Le donne comuniste, alle quali la domanda è rivolta, sono, come per gli uomini, l’avanguardia, la parte organizzata e perciò più sensibile ai problemi femminili in particolare e di tutte le famiglie dei lavoratori in generale. Aiutare le altre donne, tutte le altre donne a prendere coscienza della propria sorte e della sorte delle proprie famiglie, per essere spose felici e per avere figli sani e sorridenti. Questo è il tributo che le donne comuniste, volontariamente, dedicano alla civiltà di un popolo. Non altro poteva essere il compito delle donne anche il 23 marzo. E questo tributo queste care compagne lo hanno pagato a caro prezzo ma con dignità. Quel grido di pane e lavoro in piazza Tondi non era, quindi, una voce indistinta che nella folla perde la propria identità ma una presenza attiva, un consapevole incitamento alla lotta”.

Da questa vicenda prende avvio un progetto di ricerca di Giovanni Rinaldi, che a lungo si è occupato di memoria delle lotte contadine e  del regista Alessandro Piva. L’esito di questa ricerca è un libro, “I treni della felicità” ed un documentario “Pasta Nera”.

Rinaldi e Piva raccontano la storia dei bambini e delle bambine di San Severo, dei figli del 23 Marzo, ma raccontano anche un progetto ben più grande che coinvolse centinaia di migliaia di bambini/e e famiglie dell’Italia del Dopoguerra.

Sono le donne dell’UDI, che insieme alle donne dei partiti di sinistra organizzarono i “treni della felicità”, che permisero a circa 70.000 bambini/e, figli della miseria o provenienti da zone bombardate e distrutte dalla guerra, di avere una famiglia adottiva per qualche mese, di tornare a mangiare, di conoscere un’Italia più ricca, che eccitava e spaventata al tempo stesso.

La solidarietà delle famiglie marchigiane, emiliano romagnole e toscane accolse anche i figli degli scioperanti di San Severo. Ed è proprio da San Severo, da quel 23 Marzo, che iniziò la ricerca di Rinaldi e Piva.
Ed è in Capitanata che Giovanni Rinaldi è tornato questo 23 Marzo a raccontare questa storia, a tramandare quest’esperienza di solidarietà consapevole e politica. Per la precisione allo Scurìa, che dopo vent’anni di silenzio ha fatto tornare la voce alla Provincia di Foggia, voce ostinata di chi ha sempre creduto nella sua terra, voce a volte solitaria ed improvvisamente collettiva, che si guarda indietro, recupera la sua storia, troppo spesso dimenticata. Recupera una storia politica e collettiva, recupera un’identità, recupera la possibilità di pensarsi in maniera differente. I treni, nell’immaginario più comune e nell’esperienza di tanti e tante non sono quelli della felicità ma quelli dell’emigrazione, del distacco, dell’inevitabile allontanamento alla ricerca di emancipazione, a volte, ma sempre e comunque di pane e lavoro.

Le donne, durante la loro detenzione nel carcere di Lucera, composero una canzone che raccontava la loro vicenda.

Alla solidarietà che non lascia mai soli, allo Scurìa che mette radici e alla mia terra che fa male come quando la scrivevo sulla pelle.

E a un futuro dottore che di questa terra è figlio, pur non essendoci nato.

Ancora sul 23 Marzo e sui treni della felicità

Maria Teresa Santelli, Le compagne del 23 Marzo 1950 a San Severo

Il ventitré di Marzo a San Severo, la canzone composta dalle donne recluse nel carcere di Lucera

Mostra fotografica e dibattito allo Scurìa 

Alcune foto dell’Archivio Sonoro

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...