#Alfonlibertad, dopo la sentenza migliaia in piazza a Madrid

Era sereno Erlantz Ibarrondo, avvocato di Alfòn, all’uscita dell’udienza del 25 Novembre.
“Non possiamo sapere che cosa accadrà però per me è risultato evidente che Alfon è innocente, perché ci sono contraddizioni evidenti, soprattutto rispetto alla catena di custodia del presunto artefatto esplosivo, chi lo ha preso, come è stato trasportato, come è stato analizzato  […] non coincidono le descrizioni dell’artefatto” e ancora “un dato determinante è che stato chiesta l’analisi delle impronte digitali, e curiosamente non ci sono impronte di Alfon ma ce ne sono quattro su cui non si è mai indagato”.

Ricapitolando i fatti: Alfòn sta andando ad un picchetto informativo durante lo sciopero generale del 14 Novembre, viene arrestato per “detenzione di esplosivo”, sconta due mesi di regime Fies, duro regime di isolamento,  in seguito ai quali viene finalmente rilasciato in attesa di processo.

Da subito familiari, amici, compagni e vicini del suo quartiere Vallecas, denunciano un caso di montaggio giudiziario. Alfon è un ottimo capro espiatorio per colpire il dissenso, oggi ancor di più nella Spagna della Ley Mordaza e dell’Operaciòn Pandora.
Alfon è stato fermato e poi arrestato da agenti in borghese della Brigata Provinciale d’Informazione, una sorta di polizia politica e su di lui c’era un fascicolo aperto sin dal 2009, sebbene non fosse accusato di nessun reato. La BPI ha sostenuto che stavano raccogliendo informazioni su tifoserie potenzialmente pericolose, come quella, appunto, dei Bukaneros, di cui fa parte Alfon.

Fonte: twitter @cocacolaenlucha Lavoratori della Coca Cola alla manifestazione di ieri

Fonte: twitter @cocacolaenlucha Lavoratori della Coca Cola alla manifestazione di ieri

Infatti, la giustizia spagnola non si smentisce. E sì che siamo in occidente, e sì che c’abbiamo i diritti umani fondamentali ma non per questo non ci concediamo queste meraviglie del diritto. Nelle testimonianze delle forze dell’ordine non c’è accordo sul luogo in cui è avvenuta la detenzione di Alfon, ci sono molte imprecisioni e contraddizioni sul presunto artefatto esplosivo, tanto che non sono nemmeno stati chiamati gli artificieri per metterlo in sicurezza ma è stato trasportato così com’era, in una busta di plastica. “Abbiamo visto una miccia, e abbiamo pensato che se non si accendeva non c’era pericolo e così l’abbiamo portata via noi. Oggi come oggi, sapendo che era un oggetto così pericoloso non lo porterei ma non mi ero mai trovato in una situazione del genere”. Questa la difesa di uno degli agenti. Alfon ha dichiarato durante il processo che la polizia l’ha minacciato di incriminarlo per detenzione di esplosivi se non avesse identificato fotograficamente membri dei Bukaneros, gruppo ultras della squadra del quartiere popolare di Vallecas, il Rayo Vallecano ed altri giovani appartententi a gruppi antifascisti.

E nonostante questo quadro la magistrata, Maria Pilar Olivan scrive nella sentenza che le prove che giustificano la sentenza sono in primo luogo le dichiarazioni degli agenti, nonostante le divergenze perché sono concordi sull’essenziale. E l’essenziale è che Alfon aveva la busta di plastica con l’artefatto esplosivo.
IMG_1118_800x600

Ieri migliaia di persone sono scese in piazza a Madrid per chiedere la libertà di Alfon e denunciare l’incredibile caso di accanimento di cui è vittima. Ieri, mentre Mariano Rajoy, padre della Ley Mordaza, sfilava nella capitale parigina in difesa della libertà di espressione, le strade di Madrid si riempivano di cori per la libertà di Alfon, ma anche per gli e le anarchiche arrestati nell’operazione Pandora. Alfon ha ricevuto la solidarietà da tutto lo stato spagnolo, dal Paese Basco e dalla Catalogna perché “Alfon potremmo essere tutti”.

Alfon non è di sicuro il primo o l’unico prigioniero politico nello stato spagnolo ma è diventato sicuramente un esempio, per la solidarietà e la potenza della campagna organizzata in questi mesi ma anche perché l’arroganza e l’ingiustizia dei tribunali spagnoli colpisce Madrid, la capitale, colpisce un giovanissimo tifoso e militante di un quartiere che è anche comunità, aggregazione ed organizzazione delle lotte.

Questo è il messaggio della Spagna di Rajoy, guai a protestare contro i tagli alla sanità ed al sociale, alle riforme del lavoro, per l’educazione pubblica, guai a rivendicare il proprio diritto all’autodeterminazione. Ma disegnetti sì, ne potete fare. Peccato che davvero, a queste condizioni, non possano che essere matite spuntate.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...